Figurine dell’arte. L’anello di re Salomone

Artonauti, le figurine dell’arte, torna dal 13 dicembre in edicola e online su www.artonauti.it con un nuovo album, L’anello di Re Salomone.

Prendendo ispirazione dalla leggenda dell’anello di re Salomone – secondo cui l’anello avrebbe il
potere di governare la terra, i venti, i mari, il fuoco e ogni altra forza della natura – questa nuova
avventura è dedicata ai capolavori della storia dell’arte che esplorano i 4 elementi: terra, acqua, aria
e fuoco.

Un viaggio che apre a una serie di opere che si contrappongono come nella vita, in una realtà duale che sembra fatta di opposti, ma che si rivelano essere le due facce della stessa medaglia: quiete e tempesta, audacia e paura, cielo e terra, musica e silenzio… capolavori da guardare, osservare e con cui giocare.

Che segreti si celano dietro a La Ragazza con turbante di Vermeer o Il Viandante sul mare di nebbia di Friedrich? Gli Artonauti scopriranno che ogni cosa che ci circonda possiede energia, bisogna solo imparare a “sentirla”: così le stelle prendono vita guardando La notte stellata di van Gogh, il vento si fa sentire nelle opere di Béraud, il mare di Rembrandt travolge chi lo guarda e il fuoco sprigiona tutta la sua forza nella tela di Turner.

Un gioco sociale, educativo e accessibile a tutti

Quest’album si compone di 68 pagine con 56 opere d’arte da ricostruire grazie alle 192 figurine. Non solo: al suo interno, giochi come Aguzza la vista e Indovinelli, guidano i lettori alla fruizione delle opere d’arte mentre approfondimenti e attività multimediali permettono di continuare il viaggio anche oltre la collezione.

Attaccando le figurine si potranno ammirare le opere di artisti straordinari tra cui Monet, Renoir, Caravaggio, Hopper, Magritte, Picasso e molti altri.

Trovare, scambiare e attaccare le figurine diventa così un gioco sociale in cui i bambini, con l’immancabile «ce l’ho, ce l’ho, mi manca», imparano e si divertono allo stesso tempo. L’album è inoltre uno strumento intergenerazionale che permette ai giovani e agli adulti di confrontarsi e sfidarsi fino all’ultima figurina.

Artonauti promuove la cultura, la socialità, il gioco e la relazione: è così che l’arte diventa un gioco da ragazzi.

Gioco nel gioco

Quest’anno nei pacchetti, oltre alle figurine, si troveranno le Elements’ cards, 41 carte speciali con cui si potrà intraprendere una sfida tra elementi: chi vincerà tra acqua, terra, aria e fuoco? Ogni carta ha caratteristiche differenti e rappresenta un particolare di un’opera d’arte.

Concorso

Con la quarta collezione di Artonauti viene proposto il concorso In viaggio con gli Artonauti 2023, con oltre 70 premi a tema artistico, tra cui un’esperienza creata ad hoc con un tour operator specializzato in viaggi culturali che ha predisposto itinerari speciali, dedicati ai vincitori e in perfetto stile Artonauti: una visita a una città d’arte, a un museo o un tour esperienziale alla scoperta delle bellezze di una città italiana.

Artonauti con Sightsavers per aiutare i bambini a vedere la Bellezza

Artonauti insieme a Sightsavers Italia Onlus si impegna a salvare dalla cecità i bambini che vivono nelle zone più povere del mondo; in particolare sostiene le cure per il tracoma, la principale causa di cecità provocata da un’infezione altamente contagiosa ma facilmente curabile.

Si stima che 1,9 milioni di persone siano cieche o ipovedenti a causa di questa malattia. Artonauti si è già impegnata a far curare 17.647 bambini.

Con ogni pacchetto di figurine venduto, i lettori potranno contribuire a prevenire e curare il tracoma per permettere a sempre più bambini di vedere la bellezza e poter vivere una vita migliore.

Per un bambino che vive in un paese in via di sviluppo, perdere la vista significa essere destinato a una vita di isolamento, povertà e sofferenza, alla mancanza di autonomia e a grandi difficoltà nell’accesso all’istruzione.

Tornare a vedere significa tornare a vivere. Sightsavers è un’organizzazione che dal 1950 lavora in oltre 30 paesi nel mondo per sconfiggere la cecità evitabile e salvaguardare i diritti delle persone con disabilità. Dal 2007 ha una sede anche in Italia, a Milano.

Il progetto Artonauti ha vinto la quarta edizione del bando Innovazione Culturale di Fondazione Cariplo e il premio Piccolo Plauto 2022 come progetto contraddistinto da elevata qualità pedagogica e didattica. Il premio è promosso dalla storica rivista Infanzia, con il patrocinio scientifico del Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna.