Mare: tra effetti benefici e fobie

Il mare non è solo sinonimo di vacanza, è un vero e proprio elisir di salute. 
La Dott.ssa Valeria Fiorenza Perris, Psicoterapeuta e Clinical Director del servizio di psicologia online Unobravo, ha dedicato un approfondimento agli effetti benefici che il mare ha su corpo e mente.
Ma cosa fare se l’acqua suscita paura anziché una sensazione di benessere?
Potrebbe trattarsi di talassofobia: scopriamo cos’è e come affrontarla.

Milano, 4 agosto 2023 – Il profumo di salsedine nell’aria,  lo sciabordio delle onde, i colori brillanti che si estendono a perdita d’occhio: il mare è un vero e proprio toccasana per corpo e mente. Oltre ad apportare molti benefici al nostro organismo, il mare può esercitare numerosi effetti positivi anche sulla psiche.

Il legame tra l’essere umano e il mare ha radici lontane e profonde che traggono origine dalla nostra storia evoluzionistica. L’acqua è il luogo dove si sono sviluppate le prime forme di vita sulla Terra, è l’elemento di cui siamo fatti per oltre il 60% ed è l’ambiente in cui siamo immersi all’interno del grembo materno. Quella che abbiamo con l’acqua è una relazione atavica, un legame necessario per vivere, ma anche per stare bene.

Mare, un elisir di benessere

Il mare è un ottimo alleato per la salute. I suoi benefici sono molteplici e fanno sì che l’esperienza in una località marittima sia un momento rigenerante per tutto il nostro essere. Come confermato anche dall’ecoterapia, un ramo della psicologia dedicato a studiare come l’ambiente naturale influenza la mente, trascorrere del tempo al mare può essere considerato un’autentica terapia, con effetti positivi su tutto il nostro benessere complessivo. 

“Immergersi nella natura e nel mare è un’esperienza profondamente arricchente e rigenerante capace di offrire molto più di un semplice momento di relax. È un invito a ritrovare noi stessi, a godere della bellezza e della semplicità del mondo naturale e a scoprire un nuovo equilibrio interiore. Oltre a infondere una sensazione di pace e tranquillità, il contatto con il mare ci permette di stabilire un legame con il nostro io più autentico. L’armonia dell’ambiente marino favorisce l’introspezione e la riflessione. Attraverso l’auto-esplorazione possiamo acquisire maggiore consapevolezza di noi stessi e delle nostre emozioni. Infine, la meravigliosa opportunità di connetterci con l’essenza stessa della natura circostante può indurci a sperimentare un senso di rinascita interiore, rinnovando la mente, ricaricando le energie e rafforzando il benessere psicologico”, ha commentato la Dottoressa Valeria Fiorenza Perris.

Gli effetti benefici del mare su corpo e mente

Oltre ad aiutarci a riconnetterci con noi stessi, provare una sensazione di rinnovamento e infonderci maggior consapevolezza, il mare presenta molti altri benefici per corpo e mente:

  • Relax e riduzione dello stress: essere vicini al mare, ascoltare il suono delle onde e godere della brezza marina ha un effetto calmante e rilassante sul corpo e sulla mente. L’esposizione ad ambienti acquatici può aiutare a ridurre i livelli di stress e favorire il relax
  • Miglioramento dell’umore: il contatto con la natura influisce positivamente sull’umore e può contribuire a ridurre i sintomi di ansia e depressione. Godere della bellezza naturale del mare e dell’esposizione al sole stimola il rilascio di endorfine e serotonina, gli “ormoni del benessere”
  • Benefici per la salute fisica: le località marittime offrono l’opportunità di svolgere numerose attività fisiche all’aria aperta, come nuotare, camminare sulla spiaggia, fare surf o praticare altri sport acquatici. Queste attività possono contribuire a migliorare la forma fisica e infondere una sensazione di benessere generalizzata
  • Stimolazione sensoriale: la contemplazione del mare e il suono delle onde offrono un’esperienza sensoriale piacevole e rilassante
  • Connessione con la natura: trascorrere del tempo vicino al mare può risvegliare un senso di meraviglia e apprezzamento per l’ambiente naturale, con grande beneficio per la salute mentale ed emotiva
  • Scoperta di nuove prospettive: l’immensità del mare e dell’orizzonte possono darci la sensazione di essere connessi con qualcosa di più grande di noi stessi. Ciò può generare un senso di grande tranquillità e aiutarci a inserire i problemi quotidiani all’interno di una prospettiva più ampia
  • Stimolazione creativa: l’ambiente marino può stimolare la creatività e l’ispirazione. Immergersi nella bellezza e godere del senso di pace trasmesso dal mare aiuta a liberare la mente e far fluire le idee, favorendo il processo creativo. 

Suoni, colori, profumi: il mare risveglia i sensi.

“Il mare coinvolge i nostri sensi in un’esperienza unica e benefica per la mente. La vista gioca un ruolo fondamentale in questo coinvolgimento sensoriale: perdersi con lo sguardo nella distesa blu sconfinata del mare può infatti trasmettere un senso di serenità e contribuire a liberare la mente da pensieri ridondanti e dalla frenesia della vita quotidiana. Sollecitando le onde alfa nel cervello, lo sciabordio dell’acqua, invece, stimola un effetto meditativo sul nostro udito e favorisce la chiarezza mentale e il pensiero creativo. Anche l’olfatto è coinvolto in questa esperienza: l’aria di mare, ricca di iodio e sali minerali, ha un potente effetto benefico sull’organismo. Respirare l’aria salmastra ci riempie di energia positiva e favorisce una sensazione di grande vitalità. Infine, azioni come camminare sulla sabbia o immergersi nell’acqua creano una connessione di tipo tattile con la natura e ciò può contribuire a ridurre lo stress e infondere un senso di benessere e libertà. Il mare possiede un potere curativo straordinario: dona un senso di calma interiore, rinnova le nostre energie fisiche e ci aiuta a trovare un equilibrio e un senso di pace che va oltre il corpo per abbracciare anche la mente”, ha dichiarato la Dott.ssa Fiorenza Perris.

Ansia, depressione e paura: quando non si riesce a godere appieno del mare.

Il mare e il sole sono potenti antidepressivi naturali. Trascorrere qualche giorno immersi in un ambiente marino può contribuire a migliorare il tono dell’umore. Tuttavia, coloro che soffrono di ansia o di depressione, possono avere qualche difficoltà a godere appieno dei benefici del mare. I luoghi affollati e il caldo potrebbero, infatti, causare malessere e disagio, andando a esacerbare l’emozione dell’ansia o eventuali sintomi della depressione. Per qualcuno, poi, il mare può rappresentare una paura insormontabile: stiamo parlando di chi soffre di talassofobia, un disturbo d’ansia caratterizzato da un timore intenso, persistente e irrazionale del mare o delle acque profonde. 

Talassofobia: cos’è la paura del mare?

Il termine talassofobia deriva dalla congiunzione delle parole greche thalassa, che significa mare, e phobos, ossia paura e si riferisce a una condizione psicologica caratterizzata dalla presenza di un timore intenso e irrazionale del mare o degli specchi d’acqua. Le persone che sperimentano la talassofobia provano una sensazione opprimente di timore e angoscia all’idea di trovarsi in mare aperto, di nuotare in acque profonde o, nei casi più gravi, di guardare immagini associate al mare.

Nel DSM-5, il Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, la principale risorsa per la diagnosi delle patologie di salute mentale, la talassofobia è classificata tra le fobie specifiche, che si contraddistinguono per il manifestarsi di un timore acuto e persistente provocato dalla presenza, dall’attesa o, anche semplicemente, dalla rappresentazione mentale di oggetti o situazioni precisi. Nel caso della talassofobia la paura e l’ansia sono ricollegabili all’acqua. Fare il bagno, nuotare al largo dove il fondo non è visibile, navigare o trovarsi in acque profonde, siano esse di mare, piscina o lago, possono scatenare intense sensazioni di disagio, apprensione e paura in coloro che soffrono di talassofobia. È importante non confondere questo disturbo con l’acquafobia, che rappresenta una paura generalizzata dell’acqua, né con l’idrofobia, un’avversione verso i liquidi causata dalla malattia della rabbia.

Vi sono poi alcune declinazioni specifiche della talassofobia. La cimofobia, ovvero la paura delle onde, del mare mosso o in tempesta. La scopulofobia, la paura degli scogli sommersi e di ciò che non si conosce del mare. Infine, la selacofobia, che ha come oggetto fobico gli squali.

Le cause della talassofobia sono molteplici: esperienze traumatiche, predisposizione genetica e condizionamento sociale sono tutti fattori che potrebbero contribuire all’insorgere di questa condizione. I talassofobici possono provare ansia, angoscia e attacchi di panico in prossimità del mare o anche solo al pensiero di esso. Questa fobia può manifestarsi con sintomi come ansia, sudorazione eccessiva, tachicardia, palpitazioni, vertigini e nausea, quando si è vicini ad acque profonde. Questa paura irrazionale può generare disagio e impedire a coloro che ne soffrono di godere appieno del mare e dei suoi benefici.

Vincere la paura del mare col supporto della psicoterapia

“La talassofobia non è solo paura dell’acqua in quanto va a coinvolgere un’ampia gamma di altri aspetti caratteristici del mare, quali la profondità, l’imprevedibilità e il senso dell’ignoto. Questa fobia può costituire un grande limite e influenzare profondamente la vita di chi ne soffre. Come molte altre fobie, però, anche la talassofobia può essere affrontata e si può provare a superarla. Il primo passo consiste sicuramente nel riconoscere questa fobia. In questo senso, è raccomandabile rivolgersi a un professionista della salute mentale che potrà offrire il suo supporto nella gestione della fobia anche utilizzando tecniche specifiche come l’esposizione graduale del paziente allo stimolo fobico, per esempio mostrando fotografie o filmati del mare e degli oceani, o suggerire al paziente di iniziare a riavvicinarsi al mare per riprendere familiarità con l’acqua”, ha spiegato la Dottoressa Valeria Fiorenza Perris. 

“La psicoterapia può essere di grande aiuto nel trattamento della talassofobia. Con Unobravo, ad esempio, è possibile intraprendere percorsi di terapia online con professionisti specializzati in tematiche legate alle fobie e all’ansia. In particolare, uno degli approcci più efficaci e ampiamente utilizzati per affrontare la talassofobia è la terapia cognitivo-comportamentale. Attraverso la terapia cognitivo-comportamentale, il paziente può imparare a ristrutturare le credenze disfunzionali riguardanti il mare e le situazioni acquatiche temute. Approcci specifici, come l’esposizione graduale, possono aiutare il soggetto ad affrontare le situazioni temute e riprendere pian piano familiarità con il mare. Questo processo di esposizione progressiva consente, infatti, al cervello di abituarsi agli stimoli ansiosi, riducendo pian piano la risposta fobica. Sebbene il percorso possa richiedere tempo e dedizione, è importante non scoraggiarsi. Con il giusto supporto e l’approccio terapeutico adeguato, è possibile imparare a gestire e, perché no, vincere la talassofobia e poter tornare ad apprezzare i grandi benefici che il mare può donare al nostro corpo e alla nostra mente”, ha concluso la Dottoressa Valeria Fiorenza Perris, Psicoterapeuta e Clinical Director del servizio di psicologia online Unobravo.

Valeria Fiorenza Perris

Classe 1987, nata a Napoli, Valeria Fiorenza Perris è laureata con lode in Psicologia Dinamica, Clinica e di Comunità presso l’Università Federico II di Napoli. Ha successivamente concluso un Master in Psicodiagnosi Clinica e Peritale nel 2014 e conseguito poi la specializzazione in Psicoterapia Sistemico-Relazionale presso l’Istituto ISPPREF di Napoli nel 2016. Nei primi anni della sua esperienza, Valeria Fiorenza Perris ha collaborato con l’Unità Operativa Materno-Infantile (DS 27). Oltre a svolgere la libera professione, ha lavorato con diverse Associazioni presenti sul territorio campano, tra cui l’ADA di Napoli (Area Disturbi Alimentari) in collaborazione con la FIDA (Federazione Italiana Disturbi Alimentari), presso un Centro di Accoglienza Richiedenti Asilo (CARA), e in qualità di Psicoterapeuta per il centro convenzionato FKT dove svolgeva percorsi di sostegno rivolti ai bambini e alle loro famiglie. È anche Consulente Tecnico d’Ufficio presso la sede del Tribunale di Napoli. Dal 2019 è diventata Supervisore Clinico di Unobravo, servizio di psicologia online e Società Benefit.