Mercurio: tra pensiero e comunicazione

Sebbene Astronomia e Astrologia siano discipline molto diverse, possiamo ugualmente attingere a qualche informazione astronomica per studiare i pianeti in Astrologia: anche in Astronomia il pianeta Mercurio è velocissimo, è il più vicino al Sole e compie la sua rivoluzione intorno al Sole in soli 88 giorni,

Mercurio non può mai distanziarsi dal Sole per più di 28°.

Riassumendo, quindi, Mercurio può trovarsi nello stesso segno di pertinenza solare o in quello adiacente.

Se, ad esempio, il mio Sole di nascita si trova in Gemelli, Mercurio nel mio tema natale potrà essere posizionato o in Toro o in Cancro.

Nella mitologia il dio Hermes, con elmo e calzari alati, era il messaggero degli Dei, l’unico che poteva scendere nelle profondità degli Inferi per scortare le anime dei morti senza rimanere mai intrappolato; allo stesso modo poteva rapidamente muoversi senza mai appoggiare i piedi a Terra, Mercurio è un comunicatore tra dimensioni, lo psicopompo.

Questo è il simbolo astrologico di Mercurio, che possiamo facilmente identificare nel nostro tema di nascita.

La simbologia esoterica legata a Mercurio ci mostra la mezzaluna della ricettività animica, il cerchio dell’intelletto e la croce della materia: l’Anima si riversa attivamente nell’intelletto che si sforza di esprimersi portando le sue idee nella materia. Le conoscenze hanno origine nei piani superiori e filtrano in quelli inferiori, per l’uomo in armonia.

Mercurio simboleggia la funzione comunicativa, l’eloquenza, lo stile espressivo, la percezione intellettuale, la brillantezza, la dinamicità mentale, il desiderio di spostarsi nel circostante, i tempi rapidi, la capacità di attenzione, quella di adattamento, la curiosità, l’abilità commerciale, i contratti di lavoro, gli studi, la capacità di apprendimento, la velocità di elaborazione delle informazioni e di collegamento delle stesse, la scrittura, il telefono, la Borsa, le Poste, gli inganni e le bugie.

Nel tema natale descrive anche vicini di casa, compagni di scuola, fratelli, figli, l’adolescenza, la socievolezza, la leggerezza, a livello fisico è in rapporto con il sistema nervoso, l’apparato respiratorio (in particolar modo i bronchi) e motorio, le mani e i polsi, l’udito.

Mercurio ci indica come la persona impiega, utilizza le proprie facoltà mentali e intellettuali per esprimere sul piano comunicativo e condivisivo, i moti provenienti dalla sua anima. Mercurio rappresenta l’atteggiamento mentale cosciente, il principio di collegamento tra comunicazione psichica e verbale, connette questi due livelli comunicativi.

Ci mostra se la persona imposta il suo ritmo di vita in maniera veloce ed efficiente o lento e pacato, un Mercurio ben sostenuto ci indica una personalità multitasking, avete presente le persone che parlano al telefono mentre sfogliano la posta, con una forchetta di pasta in bocca e il telecomando per fare zapping televisivo?

Nel nostro tema è importante localizzare la posizione di Mercurio e le relazioni che il pianeta intrattiene con altri pianeti, in alcuni segni il nostro dispettoso briccone alato si trova un po’ più a disagio, sono le cosiddette sedi di “debilità” del pianeta. Mentre Gemelli e Vergine sono rappresentativi dei suoi domicilii, cioè in questi segni il pianeta è a casa sua, in Sagittario e Pesci (segni opposti a Gemelli e Vergine sulla ruota zodiacale), si dice che Mercurio sia in esilio.

Parlando qui di intelligenza, puntualizzo che nelle sedi di debilità mercuriale non si diventa “stupidi”, si dovranno trovare altre metodologie di espressione della propria capacità intellettiva e, altrove, proprio sotto i nostri occhi, il tema natale ci può comunicare forme diverse di “recupero”.

Nella sua sede gemellare l’attenzione è all’informazione interessante, in quella virginea, abbiamo attenzione ai dettagli funzionali ad un certo utilizzo pratico.

La persona che nel tema natale porta un Mercurio in Gemelli ben sostenuto di sicuro avrà nella sua rubrica telefonica i nominativi di falegname, idraulico, costruttore di ponti, di dighe o di castelli e, quando timidamente chiederete informazioni per riparare il lavandino che perde, il mercuriale gemellare vi darà istruzioni per aprire direttamente una vostra impresa edile. Poiché lui raccoglie informazioni che, prima o poi, per lui o per qualcun altro, potrebbero essere utili.

La curiosità di raccolta di dati porta Mercurio al desiderio di spostarsi e di comunicare, attivando l’udito e, drizzando le antenne, Mercurio prende spunti ovunque.

L’umorismo dei Gemelli è scherzoso, ha lo scopo di scatenare il divertimento, la battuta è pronta.

Mercurio dà origine a volte ad un certo gusto per la menzogna.

L’obiettivo della menzogna mercuriale è quello di colorire le proprie storie ed assicurarsi la simpatia del proprio pubblico, creando un personaggio, la cosiddetta “anima delle feste”.

Mercurio virgineo invece è analitico e sarcastico, pronto a cogliere attraverso l’ironia le imperfezioni e i dettagli a volte con un eccesso di pignoleria.

Nel Mercurio virgineo la curiosità e la socievolezza si attenuano, in Vergine il minor stimolo a passare da un’esperienza all’altra favorisce la focalizzazione e la concentrazione mirata, ciò che più conta sono i risultati pratici.

La raccolta di informazioni deve essere funzionale, utile, soggetta al setaccio del discernimento, catalogata ed organizzata in categorie. È qualcosa che deve servire a uno scopo. Mercurio in Vergine spacca il capello in quattro, è perfezionista, analitico e preciso, affidabile per tutti i lavori di ordinaria routine e per tutte le burocrazie.

Tuttavia Mercurio, nella sua funzione introspettiva, come psicopompo, viene utilizzato dal sovrano della nostra profonda interiorità, Plutone, per raccogliere dati nascosti, criptati e mascherati all’interno di noi stessi e portarli alla luce. Grazie ai suoi calzari alati e alla velocità di movimento, Mercurio si sposta con agilità tra mondo interno e mondo esterno, a meno che non ci siano indicazioni diverse nel tema di nascita a causa di eventuali disarmonie con altri pianeti.

In questi giorni, a partire da dopodomani, il dispettoso amico formerà un apparente moto di retrogradazione nel segno dello Scorpione. Sembrerà rallentare, fermarsi e retrocedere, sarà quindi un momento particolarmente adatto a tutto ciò che inizia con ri o re: rileggere, rivedere, rivisitare, riordinare i pensieri, riproporre, risentire, riscrivere, ricontattare, ripristinare una comunicazione interrotta, rincontrare vecchi amici o revisionare le bozze di un libro. E rallentare per ristabilire un contatto con noi stessi, sulla base di una riconnessione rinnovata.

Non ci arrabbiamo troppo se il briccone ci porterà a sentirci più distratti, attenzione ai messaggi e alle comunicazioni in generale, alle perdite di oggetti, alla lentezza burocratica.

Coraggio, dice Mercurio,  dal 3 novembre si riprende il moto diretto con maggior vigorìa e consapevolezza.

Un abbraccio!

Rossana

Se vuoi, questo è un bellissimo libro per scoprire il mondo mercuriale: Ginette Paris: “Hermes e Dioniso” – Feltrinelli