Quando nei sogni compare il diavolo

Alcuni sogni, quando vengono a farci visita, ci lasciano turbati. La figura che più di tutte suscita turbamento è quella del diavolo, oppure del mostro, col viso umano e corpo da bestia, molto vicino a quella che nei miti e nella letteratura viene associata al dio Pan.

Molto spesso in questi racconti di sogni o di incubi il diavolo/mostro cerca un’unione sessuale, un possesso, un sorta di presa soffocante con il sognatore.

E nonostante si cerchi di sfuggirlo, molto spesso si rimane imbrigliati nelle sue grinfie. A volte vengono descritte scene a sfondo sessuale, mentre altre volte si assiste al racconto del terrore di essere divorati o annientati.

Che cosa raccontano questi incontri onirici con il mostro?

Chi sogna simili contenuti, spesso accade siano persone che vivono la loro vita a senso unico.

Ad esempio, questa tipologia di sogni può fare la sua comparsa in chi si identifica totalmente con la fede, in chi ha una visione rigidissima del “bene e del male”, in chi vede la sessualità come qualcosa di sporco, come peccato da rifuggire dalla parte cosciente.

Allora il sogno arriva per ricordarci che non si possono cancellare gli istinti, che non possiamo fuggire dal “peccato”, perché la conseguenza sarebbe un grave malessere della personalità.

Pertanto il diavolo nel sogno incarna la trasgressione di cui abbiamo bisogno, quella forza dirompente di cui non possiamo fare a meno, salvo rischiare la cosa peggiore che ci può capitare, cioè l’esaurimento e l’aridità della vita psichica.

Maura Luperto