Yakisoba con pesce e zucchine

Ingredienti per 2 persone

  • 1 confezione di yakisoba per 2 persone
  • 2 etti di anelli di totano
  • 6 mazzancolle
  • 1 pomodoro
  • mezza zucchina
  • 1 spicchio di aglio
  • prosecco, o vino bianco da cucina, per sfumare
  • salsa di soia
  • sale, peperoncino, olio EVO q.b.

Preparazione del sugo

Iniziate con lo sciacquare e pulire il pesce. Una volta fatto tagliate a dadi gli anelli di totano e le mazzancolle, tenendone due da parte come decorazione, metteteli in un colino a rilasciare l’acqua della sciacquatura in eccesso.

Lavate il pomodoro e la zucchina. Una volta tagliata a metà la zucchina tagliate a listarelle dello spessore di 2-3mm.
Il pomodoro invece lo tagliate a listarelle di 1 cm separando il liquido e i semi dalla polpa.

Il liquido ed i semi della polpa ci serviranno come condimento di cottura.

Prendete una padella quindi e lasciate soffriggere l’aglio su un po’ di olio, giusto per insaporire l’olio e poi lo togliete. Prendete il pesce e mettetelo in padella a rosolare 30 secondi solo con l’olio, e poi sfumatelo con il vino bianco. Tenete il fuoco di cottura medio, in maniera da non cucinare troppo il pesce a cottura elevata.
A questo punto inserite il pomodoro e le zucchine. Mischiate bene per non far attaccare le verdure. Queste rilasceranno un po’ della loro acqua naturale, ma se vedete che serve aggiungerci un po’ di sugo procedete ad aggiungere l’acqua del pomodoro che abbiamo tolto in precedenza.

Insaporite il sugo con sale e peperoncino a piacimento.

Una volta che vedete la zucchina iniziare a cambiar colore aggiungere gli yakisoba già cotti nella padella, alzare la fiamma e sfumare con la salsa di soia.

Cottura degli yakisoba

La cottura degli yakisoba dipende da marca a marca, per questo ho preferito dettarvi la ricetta del sugo prima, e poi spiegarvi come cucinarli. Perché non esiste una tempistica unica per cucinarli.
Semplicemente controllate il metodo di cottura che spiegano sulla confezione.
Se son 10 minuti di cottura, lessateli in acqua per 8 minuti e gli ultimi 2 spadellateli con il sugo.
Se la cottura è 5 minuti lessateli per 3 minuti in acqua e poi li spadellate con il sugo.

ATTENZIONE: la cottura non è come quella “della pasta che non scuoce mai”. Questi scuociono, e si spappolano. Quindi se li dovete cucinar per 3 minuti, non fate spallucce per cucinarli di più, la cottura dev’essere precisa al secondo. Impostate il timer del telefono, metodo infallibile che uso, ma allo scoccare del tempo prefissato, scolateli.

NB: Se vi ritrovate ad averli cucinati prima che il sugo si sia cucinato del tutto usate questo trucco.
Li scolate e li passate in acqua fredda, in modo da bloccare la cottura. Tutti gli yakisoba devon diventare freddi, a questo punto aggiungeteci un po’ di olio e di salsa di soia e mescolateli per bene, così da non farli attaccare. Una volta che il sugo è pronto, buttateli nel sugo per gli ultimi 2 minuti di spadellata.

Guarnite le porzioni con la mazzancolla tenuta intera, come nella foto, e… bon appétit!

Alessandra Collodel