Gesù Cristo, storia o leggenda? La Resurrezione

“La religione è l’oppio dei popoli”, asseriva Karl Marx. “Il mondo andrebbe meglio senza religioni”, ribadiva il Dalai Lama Tenzin Gyatso, autorità religiosa, voce tra le più ascoltate del pacifismo mondiale, premio Nobel per la pace 1989. Eppure le religioni hanno segnato il passo dell’umanità verso il progresso e l’unità dei popoli, grazie alla forte penetrazione e impatto sulle masse. I 4000 anni di supremazia Egizia in tutti i campi e discipline non sarebbero mai stati tali senza un credo religioso politeista. Nondimeno gli antichi Romani, con gli dèi schierati al loro fianco, hanno dominato un quarto di mondo per secoli e secoli. Riprendendo il celebre motto di Lord Acton, secondo cui “La Religione è la chiave della storia”, Christofer Dawson, nel suo libro “Religione e Progresso”, sviluppa tale concetto giungendo alla conclusione che solo il Cristianesimo sprigiona un’energia capace di cambiare il corso della storia indirizzandolo sulla via del progresso. Tante religioni, in varie parti del mondo, tanti credo, ognuno verità a sé stante, riferimento unico comune per dare motivo all’esistenza e alla convivenza presumibilmente pacifica.

Ma veniamo alla religione Cristiana, che prende il suo spazio nell’Impero Romano a partire dall’anno 753 ab Urbe condita: poco più di duemila anni fa mise piede sul nostro pianeta un uomo che affermava di provenire da un luogo oltre lo spazio e il tempo. Sebbene costui non avesse credenziali o sostegno politico, la sua vita e le sue parole hanno completamente cambiato la storia del nostro mondo. Il suo nome è Gesù Cristo. Qualche scettico scrive: “Me se il suo messaggio era così importante, perché non ha scritto nulla?”, alimentando teorie che negano la stessa esistenza del Cristo Uomo: non ci sono prove, non c’è un cadavere, quindi è un’invenzione, come le favole di Omero.

Ebbene, neppure Socrate ha scritto nulla, “un dialogo scritto è un dialogo morto”, affermava, eppure è esistito, così pure tanti altri, dei quali non esistono né tombe, né prove oggettive. La scrittura nei tempi antichi era retaggio esclusivo di colti o scribi. Non esisteva neppure il libro, così come lo intendiamo oggi, strumento di divulgazione di massa confezionato in pagine di carta, ma solo papiri e rotoli di difficile e precaria conservazione. Bisogna attendere il 1455 d.c. affinché venga stampato il primo libro moderno con una moderna pressa da stampa: è un’edizione della Bibbia realizzata da Johann Gutenberg. Prima di Gutenberg, i monaci Benedettini scolpivano le pagine della Bibbia su tavole di legno, per poi inchiostrarle e pressarle sulla carta.

Tuttavia, mentre la maggior parte dei grandi personaggi semplicemente svanisce nei libri di storia, Gesù di Nazareth è ancora al centro di migliaia di pubblicazioni, documentari e controversie sui media.

Due miliardi di persone oggi affermano di essere suoi seguaci, eppure molti si chiedono ancora: “Chi è il vero Gesù Cristo?”, ovverosia, “è una persona reale?”

Sebbene alcuni scettici abbiano definito Gesù Cristo un mito, tutti gli storici eminenti, contemporanei e non, riconoscono che è stato una persona reale. Nove storici e scrittori non cristiani menzionano Gesù entro 150 anni dalla sua morte, lo stesso numero che menziona l’imperatore romano contemporaneo, Tiberio Cesare. In aggiunta a ciò, oltre cinquemila e ottocento manoscritti del Nuovo Testamento ci parlano della vita e delle parole di Gesù. Molto più che per qualsiasi altro nella storia antica. 

Lo studioso del Nuovo Testamento, John A. T. Robinson, conclude che il Nuovo Testamento è stato originariamente scritto mentre i testimoni oculari di Gesù sarebbero stati ancora vivi. Riguardo all’affidabilità dei racconti su Gesù, egli afferma: “La ricchezza dei manoscritti, e soprattutto lo stretto intervallo di tempo tra la scrittura e le prime copie esistenti, ne fanno di gran lunga il testo più accreditato di qualsiasi scrittura antica al mondo“.

Lo storico Philip Schaff riassume l’impatto della vita e delle parole di Gesù: “Gesù di Nazareth… ha fatto luce sulle cose umane e divine più di tutti i filosofi e gli studiosi messi insieme; Egli ha pronunciato parole di vita che mai furono pronunciate, né prima né dopo… “

In soli tre anni di ministero attivo, Gesù ha cambiato il mondo per i successivi 20 secoli. Altri leader morali e religiosi hanno lasciato un segno, ma nessuno come quell’umile falegname di Nazareth.

Per esempio:

  • I diritti umani sono stati fondati sull’insegnamento di Gesù. 
  • Le sue parole hanno portato alla parità di diritti delle donne e delle minoranze. 
  • La schiavitù in Europa e in America fu abolita dai seguaci di Gesù. 
  • Le principali università come Harvard, Yale e Oxford furono fondate per proclamare il suo insegnamento
  • Le parole compassionevoli di Gesù hanno ispirato innumerevoli enti caritativi e ospedali. 

Lo storico di Yale Jaroslav Pelikan scrive: “Indipendentemente da ciò che qualcuno può pensare o credere personalmente di lui, Gesù di Nazareth è la figura dominante nella storia della cultura occidentale da quasi venti secoli. … È dalla sua nascita che la maggior parte della razza umana data i suoi calendari, è il suo nome che milioni di persone maledicono e nel suo nome che milioni di persone pregano “

Lo storico non cristiano H. G. Wells è d’accordo. Alla domanda su chi abbia lasciato la più grande eredità nella storia, ha risposto: “Gesù è il primo in questa graduatoria”

La Resurrezione

Verso la fine del suo ministero triennale, Gesù disse ai suoi discepoli che sarebbe stato condannato e ucciso a Gerusalemme. Fu una notizia devastante! I discepoli avevano trascorso tre anni con lui. Avevano visto i suoi numerosi miracoli e ascoltato i suoi insegnamenti sull’amore e la grazia incondizionati di Dio. Rimasero, a dir poco, sbalorditi.

Tuttavia, Gesù disse loro qualcos’altro che non capirono completamente: disse che dopo la sua morte sarebbe risorto.

La sua promessa di risorgere dai morti mise a rischio l’intero ministero di Gesù. Se avesse sconfitto la morte, avrebbe convalidato la sua pretesa di divinità. E ciò avrebbe significato che tutto ciò che ha detto su Dio, su se stesso, sul nostro scopo di vita e il nostro destino, è vero.

Secondo testimoni oculari, un uomo di nome Gesù Cristo dimostrò il suo potere sulla morte. Ci dicono che dopo che morì su una croce e fu sepolto, Gesù apparve loro vivo all’improvviso il terzo giorno. Poi fu visto da altri seguaci, tra cui ben 500 persone in una sola occasione.

Presto si sparse ovunque la voce che Gesù era risorto dai morti. La Resurrezione di Gesù potrebbe essere semplicemente una leggenda vecchia di 2000 anni? O si basa su prove storiche verificabili?

Se Gesù non fosse risorto dai morti, le fondamenta della fede cristiana sarebbero distrutte per sempre. 

Settecento anni prima di Cristo, il profeta Isaia aveva scritto di un futuro Messia, che avrebbe sofferto e sarebbe morto per i nostri peccati, ma in seguito sarebbe stato riportato in vita.

Richiamando la profezia di Isaia 53, Gesù affermò di essere il Messia che sarebbe stato tradito, arrestato, condannato, insultato, flagellato e ucciso. Ma dopo tre giorni sarebbe tornato in vita. (Marco 10:33).

Tutto ciò che Gesù insegnava e rivendicava dipendeva dalla sua resurrezione dai morti. Se Gesù non fosse risorto come aveva promesso, il suo messaggio di perdono e speranza di vita eterna sarebbe stato privo di significato. Gesù stava sottoponendo le sue parole alla prova finale della verità.

Lo studioso biblico Wilbur Smith spiega: “Quando disse che sarebbe risuscitato dai morti il terzo giorno dopo essere stato crocifisso, disse qualcosa che solo uno sciocco avrebbe osato dire a meno che non fosse stato sicuro che sarebbe risorto, se si aspettava che qualsiasi discepolo gli rimanesse devoto.”

Una morte orrenda

Testimoni oculari riferiscono che fu tradito da uno dei suoi discepoli, Giuda Iscariota. Quindi, in un finto processo sotto il governatore romano Ponzio Pilato, fu condannato, preso a calci, gli sputarono addosso, fu brutalmente flagellato e infine crocifisso su una croce di legno.

Gesù soffrì sulla croce per circa sei ore. Poi, alle 3:00 del pomeriggio, gridò: “È compiuto” e spirò. All’improvviso il cielo si oscurò e un terremoto scosse la terra.

Pilato voleva verificare che Gesù fosse morto prima di permettere che il suo corpo crocifisso fosse sepolto. Quindi, una guardia romana infilò una lancia nel fianco di Gesù. La miscela di sangue e acqua che ne uscì, secondo testimoni oculari, era una chiara indicazione che Gesù era morto. Una volta che la sua morte fu accertata, il corpo di Gesù fu deposto dalla croce, avvolto strettamente in un telo di lino e sepolto nella tomba di Giuseppe di Arimatea. Le guardie romane quindi sigillarono la tomba con una grande pietra ed ebbero l’ordine rigoroso di sorvegliare la tomba 24 ore al giorno.

I discepoli di Gesù furono così completamente devastati dalla sua morte sulla croce che fuggirono per salvarsi, temendo che anche loro sarebbero stati catturati e uccisi. Ma poi accadde qualcosa…

Secondo un articolo del New York Times: “Poco dopo che Gesù fu giustiziato, i suoi seguaci furono improvvisamente trasformati da un gruppo di spaventati codardi in persone il cui messaggio su un Gesù vivente e un suo futuro regno, predicato a rischio della loro vita, finì per cambiare un impero. Accadde qualcosa … Ma cosa esattamente?”

Uno scettico esamina le prove

Il giornalista inglese Frank Morison credeva che la resurrezione di Gesù fosse un mito e iniziò le ricerche per scrivere un libro che dimostrasse la sua tesi. Morison voleva sapere cosa accadde realmente per trasformare i seguaci di Gesù e avviare un movimento che ebbe un impatto così profondo sul nostro mondo.

Egli realizzò che c’erano cinque possibili spiegazioni:

  1. Gesù non è veramente morto sulla croce.
  2. Il corpo di Gesù fu trafugato.
  3. I discepoli avevano le allucinazioni.
  4. Il racconto è leggenda. O,
  5. è successo davvero.

Morison iniziò a esaminare i fatti con pazienza e imparzialità per vedere dove lo avrebbero condotto.

1. Gesù era veramente morto?

Morison voleva innanzitutto verificare che Gesù fosse veramente morto quando fu posto nella tomba. Egli apprese che la morte di Gesù fu considerata una realtà per quasi 1800 anni. Poi circa 200 anni fa, alcuni scettici postularono che Gesù non morì sulla croce, ma semplicemente perse conoscenza e fu rianimato dall’aria fresca e umida della tomba. Questa divenne nota come la “teoria dello svenimento”.


Morison si chiese se Gesù potesse essere sopravvissuto alla croce e studiò sia la storia contemporanea ebraica che romana e scoprì i seguenti fatti a sostegno della morte di Gesù:

  • Tutti i resoconti affermano che morì.
  • Pilato verificò che morì.
  • Nessuno dei testimoni oculari contestò in vita la sua morte.
  • Gli storici secolari e contemporanei, Luciano, Giuseppe Flavio, e Tacito citarono la sua morte come un dato di fatto.

Morison si convinse che Gesù era veramente morto, un fatto quasi universalmente accettato come vero da studiosi e storici di fama.

Morison concluse: “Che Gesù Cristo sia morto sulla croce, nel pieno senso fisico del termine, mi sembra essere una delle cose certe della storia.”

2. Il corpo di Gesù fu trafugato?

Morison si chiese se i discepoli avessero falsificato la storia della resurrezione trafugando il corpo di Gesù e poi affermando che era vivo. Ciò potrebbe essere plausibile se la tomba fosse stata in una zona oscura dove nessuno li avrebbe visti. Invece la tomba apparteneva a un noto membro del Consiglio del Sinedrio, Giuseppe di Arimatea. Poiché la tomba di Giuseppe si trovava in un luogo ben noto e facilmente identificabile, qualsiasi idea di Gesù “svanito nella necropoli” doveva essere abbandonata.

Non solo il luogo era ben noto, ma i romani avevano assegnato un plotone di guardie addestrate composto da 4 a 16 soldati per sorvegliare la tomba 24 ore al giorno.

L’ex ateo e scettico Josh McDowell ha trascorso più di settecento ore a ricercare le prove della resurrezione. McDowell osserva: “Il plotone di guardia romano era tenuto alla disciplina e temeva il fallimento in ogni modo”. Sarebbe stato impossibile per chiunque sgattaiolare tra le guardie inosservato e quindi spostare la pietra. Eppure, la pietra fu spostata, rendendo possibile ai testimoni oculari di entrare nella tomba. E quando lo fecero, il corpo di Gesù era scomparso.

Se il corpo di Gesù fosse stato trovato da qualche parte, i suoi nemici avrebbero rapidamente smascherato la resurrezione come una frode. Tom Anderson, ex presidente della California Trial Lawyers Association, riassume la forza di questa tesi: “Con un evento così ben pubblicizzato, non credete sia ragionevole che uno storico, un testimone oculare, un antagonista riportino con certezza di aver visto il corpo di Cristo? … Il silenzio della storia è assordante quando si tratta della testimonianza contro la resurrezione”.

Quindi, senza prove e con una tomba nota chiaramente vuota, Morison accettò che il corpo di Gesù fosse in qualche modo scomparso dalla tomba. Forse i discepoli erano in preda ad allucinazioni e hanno soltanto “pensato” di aver visto Gesù?

3. I discepoli avevano le allucinazioni?

Morison si chiedeva se i discepoli potessero essere stati così emotivamente sconvolti da avere allucinazioni e immaginare la resurrezione di Gesù.

Lo psicologo Gary Collins, ex presidente dell’American Association of Christian Counselors, spiega che “Le allucinazioni sono eventi individuali. Per loro stessa natura, solo una persona alla volta può avere una data allucinazione. Certamente non sono qualcosa che può essere visto da un gruppo di persone“. L’allucinazione non è una possibilità nemmeno remota, secondo lo psicologo Thomas J. Thorburn. “È assolutamente inconcepibile che cinquecento persone, mediamente in retti sensi, sperimentino ogni tipo di impressioni sensoriali – visive, uditive, tattili – e che tutte queste esperienze si basino interamente su allucinazioni”.

La teoria dell’allucinazione, quindi, sembra essere un altro vicolo cieco. Cos’altro potrebbe spiegare la resurrezione?

4. È solo una leggenda?

Alcuni scettici poco convinti attribuiscono la storia della resurrezione a una leggenda che iniziò con una o più persone che mentivano o credevano di aver visto Gesù risorto. Nel tempo, la leggenda si sarebbe alimentata e si sarebbe abbellita man mano che veniva tramandata. Ma sorgono tre problemi principali con questa teoria.

Le leggende semplicemente non nascono mentre più testimoni oculari sono vivi per confutarle. Uno storico dell’antica Roma e della Grecia, A. N. Sherwin-White, ha sostenuto che la notizia della resurrezione si diffuse troppo presto e troppo rapidamente perché fosse una leggenda.  Anche gli studiosi scettici ammettono che a distanza di due o tre anni dalla crocifissione di Gesù si recitassero inni e credo cristiani nelle prime chiese.

Le leggende si sviluppano per tradizione orale e non sono supportate da documenti storici contemporanei, mentre i Vangeli furono scritti entro tre decenni dalla resurrezione.

La teoria della leggenda non spiega adeguatamente né la tomba vuota né la fervida convinzione degli apostoli che Gesù fosse vivo.

L’ipotesi originale di Morison che il racconto della resurrezione fosse mito o leggenda non coincideva con i fatti.

5. La resurrezione accadde veramente?

Dopo aver eliminato i principali argomenti contro la resurrezione di Gesù per la loro incoerenza con i fatti, Morison iniziò a chiedersi: “è successo davvero?” Invece di cercare prove contro la resurrezione di Gesù, si chiese quanto fosse invece il caso di provare il suo effettivo verificarsi. Saltano agli occhi diversi fatti.

Apparve alle donne per prime

Ogni racconto dei testimoni oculari riferisce che Gesù apparve all’improvviso fisicamente ai suoi seguaci, alle donne per prime. Morison si chiese perché i contraffattori avrebbero posto le donne al centro della trama. Nel I secolo, le donne non avevano praticamente diritti, personalità o status. Morison pensava che dei contraffattori avrebbero ritratto uomini, non donne, come i primi a vedere Gesù vivo. Eppure leggiamo che le donne lo toccarono, parlarono con lui e furono le prime a trovare la tomba vuota.

Testimoni oculari multipli

I discepoli affermano di aver visto Gesù in più di dieci occasioni diverse. Dicono che abbia mostrato loro mani e piedi e abbia detto loro di toccarlo. Ha mangiato con loro e in seguito, in un’occasione, è apparso vivo a più di 500 seguaci.

A Cesarea, Pietro disse a una folla perché lui e gli altri discepoli erano così convinti che Gesù fosse vivo: “Noi apostoli siamo testimoni di tutto ciò che ha fatto in Israele e a Gerusalemme. Lo misero a morte crocifiggendolo, ma Dio lo resuscitò tre giorni dopo… Noi siamo quelli che mangiarono e bevvero con lui dopo che era risorto “.

Morison si rese conto che questi primi avvistamenti di un Gesù risorto da parte di così tanti dei suoi seguaci sarebbero stati praticamente impossibili da falsificare.

Man mano che Morison continuava le sue indagini, egli iniziò a esaminare le motivazioni dei seguaci di Gesù e considerò che doveva essere accaduto qualcosa di straordinario perché i seguaci di Gesù smettessero di piangerlo e di nascondersi e iniziassero a proclamare senza paura di aver visto Gesù vivo.

Qualora i rapporti dei testimoni oculari non fossero sufficienti a sfidare lo scetticismo di Morison, egli rimase sconcertato dal comportamento dei discepoli. Questi undici ex codardi erano improvvisamente disposti a subire umiliazioni, torture e morte. Tutti tranne uno dei discepoli di Gesù furono trucidati come martiri. Se avessero trafugato loro il corpo, avrebbero sacrificato così tanto per una bugia? È accaduto qualcosa a questi uomini e donne che ha cambiato tutto.

Fu questo fatto significativo che persuase Morison che la resurrezione doveva essere realmente avvenuta. Egli riconosce: “Chiunque arrivi a questo problema deve prima o poi affrontare un fatto che non può essere spiegato altrimenti… Questo fatto è che… una profonda convinzione persuase il piccolo gruppo di persone – un cambiamento che attesta il fatto che Gesù era risorto dalla tomba “.

Il professor JND Anderson, autore di “Prove a favore della Resurrezione“, concorda: “Pensate all’assurdità psicologica di immaginare un piccolo gruppo di codardi sconfitti un giorno nascosti in una stanza al piano superiore e alcuni giorni dopo trasformati in una compagine che nessuna persecuzione poté silenziare – e all’assurdità di tentare di attribuire questo cambiamento radicale a niente di più che una mera bugia… Semplicemente non avrebbe senso“.

Morison era infine sconcertato dal fatto che “un piccolo movimento insignificante fu in grado di prevalere sull’astuta morsa dell’establishment ebraico, così come sulla potenza di Roma”. Spiega:

“Nell’arco di venti anni, le pretese di questi contadini galilei avevano sconvolto la chiesa ebraica… In meno di cinquant’anni avevano cominciato a minacciare la pace dell’Impero Romano. Si può dire di tutto, ma ci troviamo di fronte al più grande dei misteri di tutti: perché questo movimento ha vinto?“

In ogni caso, se non ci fosse stata la resurrezione, il cristianesimo si sarebbe dovuto estinguere sotto la croce, quando i discepoli fuggirono per salvarsi. Ma gli apostoli fondarono un movimento cristiano in continua crescita.

Qualunque cosa si creda sulla validità della resurrezione di Gesù, chiaramente “è accaduto qualcosa” dopo la sua morte che ha avuto un impatto duraturo sul nostro mondo. Quando è stato chiesto allo storico mondiale H. G. Wells chi ha lasciato la più grande eredità nella storia, lo studioso, non cristiano, ha risposto: “Gesù è il primo tra tutti”.

Quale è questa eredità? Diamo un’occhiata solo ad alcuni dei fatti conseguenza dell’impatto di Gesù sulla storia:

  • Il tempo è scandito dalla sua nascita (A.C. prima di Cristo; D.C. dopo Cristo)
  • Sono stati scritti più libri su Gesù che su qualsiasi altra persona.
  • Furono fondate circa 100 grandi università per diffondere il suo insegnamento, tra cui Harvard, Yale, Princeton, Dartmouth, Columbia e Oxford.
  • L’insegnamento di Gesù che tutte le persone sono create uguali ha gettato le basi per i diritti umani e la democrazia in più di 100 paesi.
  • L’alto valore che Gesù attribuiva a ogni persona indipendentemente dal sesso o dalla razza portò i suoi seguaci a promuovere i diritti delle donne e ad abolire la schiavitù.
  • Opere umanitarie come la Croce Rossa, World Vision, Samaritan’s Purse, Mercy Ships e l’Esercito della Salvezza sono state fondate dai suoi seguaci.

Una conclusione a sorpresa

Capovolgendo il suo scetticismo, Morison ha cambiato il titolo del suo libro in “Who Moved the Stone”, che documenta le prove che lo hanno persuaso che la resurrezione di Gesù Cristo fosse un vero evento storico.

Un altro studioso che ha scritto sulle prove della resurrezione di Gesù è stato il dottor Simon Greenleaf, fondatore della Harvard Law School. Greenleaf ha scritto le regole relative alle testimonianze ancor oggi utilizzate nel nostro sistema legale. Applicando queste regole agli eventi che circondano la morte di Gesù, Greenleaf ha concluso che qualsiasi giuria onesta avrebbe reso un verdetto che la resurrezione di Gesù è realmente avvenuta. Come per Morison, è stato il cambiamento improvviso nel comportamento dei discepoli a convincerlo. Greenleaf scrive:

Sarebbe stato impossibile per i discepoli persistere nella convinzione che Gesù era risorto se non avessero effettivamente visto il Cristo risorto“.

Sebbene fosse in origine uno scettico, lo studioso di Oxford C. S. Lewis spiega come la resurrezione di Gesù sia stato un evento unico tra tutti gli eventi della storia umana.

Era successo qualcosa di perfettamente nuovo nella storia dell’Universo. Cristo aveva sconfitto la morte. Quella porta che era sempre stata sigillata era stata per la prima volta aperta

Lo scetticismo è doveroso, stimola e aiuta la ricerca della verità. Il negazionismo aprioristico scandisce l’ignoranza spesso con toni di arroganza. Come afferma Roberto Giacobbo: “Chi crede ha le stesse prove di chi non crede, cioè zero”.

Il grande Eduardo De Filippo in “Arte della commedia”, nei panni del capocomico Oreste Campese, ci spiega che “Non ha importanza sapere la verità, perché le storie che ciascun personaggio ha raccontato sono fatti umani di cui il prefetto dovrà comunque tenere conto, indipendentemente dalla reale identità di quelle persone, che fossero reali o attori”.

E questo vale per i Grandi Personaggi della storia: che siano esistiti o no, l’hanno certamente cambiata e hanno dato un senso all’umanità.

Vincent

Scrittore, Informatico, Musicista