Caro Alan, amicio mio. Ce ne siamo raccontate tante tu, Tino, il matto di Elvis,